+39 0925 940217 info@itervitis.eu

Erano poggiate in una stanza a pianta quadrata. Quindici anfore che gli archeologi stanno tirando fuori dal lapillo dell’eruzione del Vesuvio del 79 dopo Cristo. Una scena che è – ancora una volta – un’istantanea sulla storia. Un ambiente che emerge con i contenitori poggiati alle pareti così come lo avevano lasciati i pompeiani duemila anni fa. In quelle anfore c’era certamente del pregiato vino cretese: Massimo Osanna, il direttore del Parco archeologico di Pompei e le archeologhe Arianna Spinosa e Alberta Mastellone hanno riconosciuto tra i vasi scoperti appunto quelle prodotte a Creta e che gli abitanti dell’isola utilizzavano per spedire il vino di loro produzione in tutto il Mediterraneo.

pompei 4_repubblica.it

pompei 1_repubblica.it

Chi poteva permettersi vino di qualità? E cosa contenevano gli altri vasi trovati intatti nell’ambiente di servizio della Schola Armaturarum? “Il prosieguo delle ricerche – spiega Massino Osannacon gli esperti del nostro Laboratorio di ricerche applicate ci consentirà di capire con precisione cosa contenevano tutte le anfore, sia quelle di produzione locale che quelle che proveniva da fuori come quelle siciliane e quelle spagnole“.

Il tipo di anfore messe alla luce, oltre al vino erano utilizzate per il trasporto di olio e di una salsa di pesce prodotta in Spagna, diversa dal garum che invece si produceva anche a Pompei.

Lo scavo in corso è il frutto di un intervento di messa in sicurezza della Schola Armaturarum, l’edificio che crollò il 6 novembre 2010, suscitando l’indiganzione internazionale per le condizioni in cui erano tenuti gli scavi di Pompei. “Un crollo per assurdo benedetto” – dice oggi Osanna – “perché senza quella mobilitazione generale non sarebbe nato il Grande progetto Pompei e l’avvio dei lavori di messa in sicurezza del sito“.

pompei 3_repubblica.it

Il progetto del Parco archeologico di Pompei prevede il restauro degli ambienti appena indagati, la realizzazione di una copertura dell’intera Schola, il restauro di affreschi, pavimenti e anfore, e il riposizionamento in situ dei vasi così come sono stati trovati nella logica della musealizzazione diffusa. (Fonte: www.repubblica.it)

by Transposh - plugin di traduzione per wordpress