+39 0925 940217 info@itervitis.eu

Nel Museo del vino troviamo le testimonianze sulla storia della produzione del vino in Alto Adige ed il suo sviluppo. Attrezzi per la vinificazione, laboratorio di bottai, recipienti per il vino, bicchieri ed altri contenitori per berlo e un’interessante raccolta di oggetti legati alla religiosità popolare. Tra i motivi ricorrenti l’immagine del Cristo nel torchio, nonché rappresentazioni figurative, ed in particolar modo Sant’Urbano, patrono dei viticoltori e dei bottai, la cui immagine si trova come motivo ornamentale di stendardi, vetrate di chiese e cappelle. Fino alla seconda metà del XV secolo durante la liturgia eucaristica veniva utilizzato vino rosso, a rappresentare il sangue di Cristo. Dato l’enorme valore simbolico attribuito al vino nella celebrazione del mistero eucaristico, la bevanda doveva presentare delle qualità particolari. Le disposizioni più recenti relative al vino da messa (1976) stabiliscono che deve rispettare i criteri di limpidezza e purezza, senza aggiunta di zucchero. La consegna del vino da messa è un fatto importante e solenne, tanto che si fa atto di giuramento sull’autenticità della bevanda e sulla ottemperanza alle disposizioni succitate.

by Transposh - plugin di traduzione per wordpress