+39 0925 940217 info@itervitis.eu

Le vie del vino

I palmenti, generalmente di forma rettangolare o circolare, sono costituiti da vasche scavate nel banco tufaceo o in blocchi di roccia, in molti casi vulcanica. Il nome deriva dal latino palmes palmitis, tralcio di vite, o da paumentum, l’atto di battere, pigiare. Utilizzati sia per la pigiatura dell’uva sia per la fermentazione dei mosti, ne esistono di vari tipi: alcuni a vasca singola, altri a doppia vasca comunicante, altri ancora (ma sono più rari) a tre vasche. Come attestano fonti storiche, il termine palmentum si trova in numerosi documenti medievali del IX e X secolo dell’Italia meridionale, accanto a quello di trapetum, suo omologo per l’estrazione dell’olio.

Questa particolare categoria di evidenze legate ai processi di lavorazione delle uve è presente in molti Paesi dell’area del Mediterraneo (Armenia, Bulgaria, Cipro, Corsica, Francia, Italia, Malta, Spagna, Israele, Mauritania) e rappresenta una preziosa testimonianza delle trasformazioni virtuose dei paesaggi agrari ad opera dell’uomo. I palmenti raccontano la storia della civiltà contadina e pastorale, legata ad una cultura trasmessa oralmente che non ha lasciato testimonianze scritte; illustrano il lavoro e le tecniche di trasformazione dell’uva, dall’età protostorica sino ai nostri giorni, contribuendo alla riscoperta di vitigni di antica origine.  

Tali manufatti sono stati individuati in gran parte dell’Italia: dalla Liguria (San Lorenzo, Ventimiglia, IM), all’Emilia Romagna (zone appenniniche), alle Marche (San Leo, PU), alla Toscana (Sansepolcro, AR; Abbadia San Salvatore, SI; Vitozza, GR; Isola del Giglio, GR; Isola d’Elba, LI; Isola di Capraia, LI), al Lazio (molte località delle Province di Viterbo e di Roma), alla Campania (Isola di Ischia), alla Basilicata (Pietragalla, PZ), alla Calabria (Ferruzzano, RC; Bruzzano, RC; Caraffa del Bianco, RC; S. Agata, RC; Casignana, RC) e alla Sicilia (Montalbano Elicona, ME; Camastra, AG; Motta, ME;  Moio Alcantara, ME).

by Transposh - plugin di traduzione per wordpress