+39 0925 940217 info@itervitis.eu
Mandrarossa Vineyard Tour 2019

Mandrarossa Vineyard Tour 2019

Sabato 7 e domenica 8 settembre il Mandrarossa Vineyard Tour farà delle pinete più note di Menfi uno spazio a misura di famiglia. Saranno i luoghi del relax, del divertimento, della condivisione e della convivialità in cui sorseggiare un calice di vino sulla spiaggia, gustare e scoprire i piatti della tradizione menfitana preparati sul momento dalle Signore della Cucina Mandrarossa, giocare con l’intrattenimento pensato per i più piccoli e trascorrere una serata all’insegna della buona musica con le onde del mare che si frangono sullo sfondo di un cielo stellato.

 I BANCHI DI DEGUSTAZIONE FOOD

Pineta Pelella, Pineta Molinari
Sabato 7 e domenica 8 settembre
ore 11.00 -16.00 / 18.00-22.00

I banchi di degustazione dedicati al food saranno anche quest’anno l’occasione per compiere un viaggio emozionante alla scoperta dei piatti tipici menfitani preparati con materie prime di stagione e sostenibili: le verdure dell’orto, la pasta di casa, il pane fresco fatto col lievito madre, le sarde appena pescate e cotte alla brace, la frutta di stagione e i dolci semplici e genuini della tradizione. A guidare gli ospiti in questo viaggio saranno le Signore della Cucina Mandrarossa, custodi ed ambasciatrici delle tradizioni e dei sapori autentici della Sicilia Sud Occidentale

IL BANCO D’ASSAGGIO DEI VINI
Pineta Pelella, Pineta Molinari
Sabato 7 e domenica 8 settembre

ore 11.00 – 23.00

Ad accompagnare questo weekend tra mare e vigne sarà, come ogni anno, il vino. Per tutti coloro che desiderano scoprire i vitigni autoctoni siciliani, le influenze che il territorio del Menfishire ha sui vitigni internazionali o semplicemente abbinare un buon calice di vino alle specialità gastronomiche locali, i banchi di degustazione dei vini sono il posto giusto. Qui gli ospiti potranno trovare in assaggio tutta gamma di etichette Mandrarossa, da accompagnare con i piatti della cucina locale.

ANIMAZIONE PER I BAMBINI

Pineta Molinari
Sabato 7 e domenica 8 settembre
ore 10.00 -13.00 / 15.00-18.00

Anche quest’anno il Mandrarossa Vineyard Tour prevede uno spazio dedicato agli ospiti più esigenti, i bambini. Per loro sono previsti giochi e attività all’insegna del divertimento come bolle di sapone, musica, tattoo, l’animazione di un simpaticissimo trampoliere e tante altre sorprese che si svolgeranno sotto l’occhio attento di operatori esperti.

10€ mezza giornata – 15€ tutto il giorno

Info e prenotazioni:
Funny Days 3809082185

CONCERTI IN PINETA
Pineta Molinari
Sabato 7 e domenica 8 settembre

ore 21.30 – 23.30

Sabato 7 settembre si esibiranno i Manhattan. Il loro repertorio abbraccia diverse correnti musicali, da Bob Dylan a Chuck Berry, Elvis, Beatles, Rolling Stones, Doors, Creedence Clearwater Revival, ai miti italiani come Lucio Dalla, Lucio Battisti e a tanto altro ancora.  Domenica 8 invece sarà la volta dei Camurria.  Il loro sound regala agli spettatori una musicalità solare, coinvolgente, briosa e piena di groove, proponendo al pubblico brani inediti e i più conosciuti brani della musica italiana ed internazionale, in chiave Ska, Reggae, Rap, Salsa, Samba e Latin.

Mandrarossa Vineyard Tour 2019: un weekend tra mare e vigne vi aspetta!

www.vineyardtour.it

www.mandrarossa.it

il Settembre Rotaliano celebra il Teroldego

il Settembre Rotaliano celebra il Teroldego

Ci sono appuntamenti che, anno dopo anno, gli amanti del buon vino e delle feste in allegria sottolineano in rosso sul calendario. Se poi si tratta di celebrare il Teroldego Rotaliano, conosciuto da sempre come “Il Principe dei vini trentini”, conviene non prendere impegni e concedersi un fine settimana davvero unico. Dove e quando? Da venerdì 30 agosto a domenica 1 settembre, naturalmente a Mezzocorona. La cittadina che sorge nel cuore della Piana Rotaliana, quella che Cesare Battisti amava definire “il giardino vitato più bello d’Europa”, ospiterà come di consueto l’edizione 2019 del Settembre Rotaliano-Alla scoperta del Teroldego. La manifestazione, divenuta un vero e proprio evento-clou di fine estate, è organizzata dalla Pro Loco di Mezzocorona con il supporto di Trentino Marketing e il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito della promozione delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest.

Anche quest’anno, quando in Rotaliana non si parla che di vendemmia e fervono le attività in vigna e nelle cantine, il vino più rappresentativo della terra che lo genera diventa dunque protagonista di tre giorni tutti da vivere. Sarà un weekend all’insegna innanzitutto delle degustazioni. Infatti, per conoscerlo in tutte le sue declinazioni, basterà recarsi presso lo storico Palazzo Conti Martini, dove è in programma la 29° edizione della mostra “Alla scoperta del Teroldego”. Qui le cantine coinvolte proporranno in assaggio le proprie etichette da approcciare in self tasting ma anche attraverso incontri organizzati.

Numerose le iniziative da segnare sin d’ora in agenda, a cominciare dalla degustazione guidata a cura della sezione trentina di Onav – Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino di venerdì 30 agosto, che consentirà ai partecipanti di degustare il Teroldego Rotaliano nelle sue diverse sfumature, dalle rare versioni di rosato alle pregiate riserve. Sabato 31 agosto sarà la volta dei distillati: da non perdere l’appuntamento con il gruppo regionale di Anag-Associazione Assaggiatori Grappa e Acquaviti. Ma anche la degustazione “al buio”, in cui i partecipanti saranno guidati da camerieri non vedenti, proposta in collaborazione con AbC IRIFOR del Trentino, cooperativa atta a sensibilizzare sul tema della disabilità visiva e a far sperimentare le potenzialità derivanti dall’utilizzo degli altri sensi.

Infine, domenica 1 settembre spazio a TeRoldeGO Evolution, un sodalizio nato dal desiderio di nove giovani produttori vitivinicoli della piana Rotaliana di valorizzare il loro amato Teroldego. Per l’occasione, saranno proposte annate a partire dal 1990. Nel corso della giornata, protagoniste anche le Donne del Vino, con un evento dedicato in grado di unire approfondimento sul vino ed intrattenimento.

Lungo le vie della cittadina, inoltre, saranno allestite corti gastronomiche gestite dalle associazioni localigrazie alla collaborazione di un nutrito gruppo di oltre 500 volontari, dove gustare il meglio della tradizione culinaria del luogo. Il tutto naturalmente accompagnato dai giusti abbinamenti con il Teroldego Rotaliano delle cantine aderenti.Ci sarà poi spazio per tante altre iniziative: concerti, spettacoli itineranti, animazioni dedicate ai più piccoli, opportunità di assistere a performance di danza, di fare sport e di visitare mostre d’arte, come la ormai tradizionale esposizione Terra.

Rispettando una tradizione ormai consolidata, la kermesse sarà preceduta e accompagnata dalla rassegna A tutto Teroldego (tastetrentino.it/atuttoteroldego), in programma dal 22 agosto al 1 settembre: tutto il territorio della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, dalla Valle dei Laghi a Riva del Garda, dalla Val di Cembra all’Altopiano di Piné, dalla Valsugana alla Vallagarina, dall’Altopiano della Paganella fino a Trento, senza dimenticare naturalmente la Piana Rotaliana, sarà dunque teatro di un ricco calendario di degustazioni, aperitivi, menù a tema, visite in cantine e nei vigneti.

E per tutti gli enocuriosi, da fine agosto fino a metà ottobrein Piana Rotaliana, la possibilità di partecipare attivamente ad una vera vendemmia, grazie a VendemmiAmo, iniziativa a cura del Consorzio Turistico Piana Rotaliana Königsberg che prevede anche passeggiate nei vigneti, degustazioni in abbinamento a prodotti tipici, picnic in vigna a (k)m “0” e visite guidate in cantina.

Profilo manifestazione

L’evento è organizzato dalla Pro Loco di Mezzocorona con il supporto logistico Consorzio Turistico Piana Rotaliana Königsberg, l’aiuto di oltre 500 volontari e il sostegno di istituzioni e sponsor del territorio. La manifestazione fa parte delle #trentinowinefest, manifestazioni enologiche provinciali organizzate con il supporto di Trentino Marketing e il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, nell’ambito della promozione delle manifestazioni enologiche provinciali. www.settembrerotaliano.it

Profilo Teroldego Rotaliano

Il Teroldego Rotaliano è un vino autoctono che cresce nel cuore della Piana Rotaliana, fazzoletto di terra a nord di Trento che si estende per 450 ettari tra Mezzocorona, Mezzolombardo e San Michele all’Adige. Si tratta di un vino importante e dalla classe inconfondibile, definito da sempre il “principe dei vini trentini”. Dal colore rosso rubino intenso con riflessi granati, d’intensità diversa a seconda della maturazione del vino, presenta un profumo molto fruttato che richiama frutti di bosco molto maturi come la mora, il mirtillo e il lampone. Il gusto è fine quanto possente, leggermente tannico, minerale e vivace, il sapore è asciutto, sapido e con un perfetto equilibrio tra piacevolezza e concentrazione.

Uva e dintorni, tra storia ed enogastronomia

Uva e dintorni, tra storia ed enogastronomia

Squillino le trombe e si levino i calici, si preparino dame e cavalieri, cuochi, artigiani e artisti: da venerdì 6 a domenica 8 settembre 2019 è tempo di Uva e dintorni. L’evento, che fonde un’anima enogastronomica a coinvolgenti contenuti storico-culturali, si svolge ad anni alterni ad Avio e Sabbionara di Avio, in Vallagarina, dove l’Adige raggiunge e oltrepassa i confini con il Veneto. La 19° edizione si terrà proprio nella frazione sededello splendido Castello di Avio, storico bene del Fondo Ambiente Italiano (FAI).

Una manifestazione che è organizzata dall’omonimo comitato in collaborazione con il Comune di Avio, con il supporto di Trentino Marketing e il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest.

Saranno dunque tre giorni dedicati alla valorizzazione del patrimonio vitivinicolo e storico della valle, come sempre ricchi di iniziative e manifestazioni: dalla messa in scena di antichi mestieri alle rievocazioni storiche e sfilate in costume, dall’allestimento di corti gastronomiche – ciascuna impegnata in un particolare menu della tradizione – a intrattenimenti di vario genere. Tra questi, il magico spettacolo pirotecnico, particolarmente apprezzato dalle migliaia di visitatori attesi anche quest’anno.

L’evento clou della prossima edizione rimane comunque il Palio delle Botti tra Città del Vino, organizzato in collaborazione con l’Associazione Città del Vino, quest’anno particolarmente atteso perché ospiterà lafinalissima nazionale, che vedrà schierate 10 squadre: le 8 con i punteggi migliori ottenuti nelle precedenti gare dell’edizione 2019, la detentrice del titolo (Maggiora, Novara) e ovviamente Avio, quale città ospitante. Un’occasione da non perdere, in programma per domenica 8 settembre alle ore 14.00, che all’emozione della gara di spinta della botte affiancherà, come da tradizione di Uva e dintorni, altre tre discipline – lo slalom femminile con le botti, la pigiatura dell’uva scalzi e il riempimento della botte – che contribuiranno a rendere la sfida ancora più adrenalinica.

Ma in generale è l’omaggio al mondo del vino il leit-motiv della manifestazione, aperta come ormai vuole la tradizione, venerdì 6 settembre, con un convegno tecnico organizzato in collaborazione con l’Associazione Skywine e dedicato alla pianificazione del territorio ai fini di una migliore viticoltura. Nelle giornate successive, i winelovers potranno soddisfare le loro curiosità attraverso visite alla rinomata tenuta San Leonardo e ai vigneti storici della zona.

Anche il Castello di Avio, tra i più noti ed antichi monumenti fortificati del Trentino e bene FAI, farà la sua parte: in particolare, sabato 7 e domenica 8 sarà aperto anche in orario serale al fine di offrire ai turisti la possibilità di conoscerlo da vicino, in uno spirito di ideale continuità tra il meraviglioso maniero e l’abitato di Sabbionara.

 

Profilo manifestazione

Uva e dintorni nasce nel 2001 con l’obiettivo di creare un importante evento tematico nel territorio trentino e si svolge, alternativamente, un anno nel Comune di Avio e un anno nella frazione di Sabbionara di Avio, attirando mediamente oltre 20mila visitatori provenienti soprattutto da fuori provincia. La manifestazione è organizzata dal Comitato Uva e dintorni in collaborazione con il Comune di Avio, grazie al prezioso contributo di oltre 400 volontari e di Apt Rovereto e Vallagarina, Cassa Rurale Vallagarina, B.I.M. dell’Adige, Parco Naturale Monte Baldo, Città del Vino, Comunità della Vallagarina, Viticoltori in Avio; con il supporto di Trentino Marketing e il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito della promozione delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest.

 

Profilo Palio Nazionale delle Botti

Il Palio Nazionale delle Botti, nato da un’idea dell’Associazione Nazionale Città del Vino per festeggiare nel 2007 i suoi primi venti anni di attività, è un appuntamento ormai “classico” che, tra la primavera e l’autunno, anima le terre del vino crescendo di anno in anno. La gara consiste nel far rotolare una botte da 500 litri lungo un percorso compreso tra un minimo di 600 metri ad un massimo di 1500 metri di lunghezza, che deve attraversare le vie della Città del Vino ospitante. Ad Avio e Sabbionara di Avio, in particolare, alla gara di spinta, che si svolge con una barrique da 225 l, si aggiungono altre tre specialità: la pigiatura dell’uva scalzi, il riempimento della botte e lo slalom femminile.

Pantelleria DOC Festival

Pantelleria DOC Festival

C’è un modo per vivere Pantelleria e scoprirne in un’unica occasione le sue molteplici sfaccettature, proprio in uno dei momenti più affascinanti per l’isola figlia del vento, la cui brezza insieme al sole plasmano quell’uva passa che conferisce l’unicità al Passito, prodotto simbolo della perla nera del Mediterraneo. Questo momento è il Pantelleria DOC Festival che torna, dal 5 all’ 8 settembre per la sua seconda edizione. Il festival è organizzato dal Consorzio Pantelleria Doc, presieduto da Benedetto Renda. 

Pantelleria DOC Festival sarà quindi un vero e proprio viaggio alla scoperta dell’isola Giardino del Mediterraneo, scrigno di biodiversità e dal Paesaggio disegnato dalla fatica del contadino. In piena vendemmia sull’isola, turisti, famiglie con bambini, appassionati di vita all’aria aperta e winelovers  avranno a disposizione un programma di eventi, degustazioni e percorsi di visita dedicati al vino, all’agricoltura pantesca, all’archeologia e a scoprire la natura vulcanica dell’isola.

Nella perla nera del Mediterraneo, nei giorni della kermesse si potrà vivere in presa diretta uno dei momenti più importanti per l’isola: la vendemmia dello Zibibbo, il momento più bello per visitare per Pantelleria ma anche il più importante per i contadini impegnati nella raccolta degli ultimi grappoli sui terrazzamenti, nell’appassimento al sole e nella sgrappolatura dell’uva passa

Sarà possibile conoscere le tecniche di una viticoltura il cui valore è stato riconosciuto anche dall’Unesco, con l’iscrizione della pratica agricola della vite ad alberello di Pantelleria tra i Patrimoni Immateriali dell’Umanità. E poi ancora le visite alle aziende vinicole del consorzio (Salvatore Murana, Pellegrino, Vinisola, Donnafugata, De Bartoli, Fabrizio Basile, Coste Ghirlanda ed Emanuela Bonomo), che potranno essere effettuate nel pomeriggio (h. 18.30-20.00) con la possibilità di conoscere la filosofia  produttiva e la viticoltura eroica praticata da ciascuna realtà che culminerà con le degustazione dei vini.

Altre occasioni di scoperta dei vini, dei luoghi e dei produttori dell’isola saranno gli aperitivi previsti al tramonto (h. 19-21), e le Degustazioni e I Racconti (h. 20 – 22.30) a cui faranno da controcanto i dopocena organizzati presso le cantine (h. 23) dove la dolcezza del Passito incontrerà le fragranze del cioccolato e in altri casi accompagnate dalle note di musica dal vivo o visite notturne nei giardini panteschi.

Pantelleria è anche il Giardino del Mediterraneo: uno spazio particolare sarà infatti dedicato alla conoscenza delle differenti sfumature del ricco giacimento produttivo pantesco che annovera altre produzioni di eccellenza come i capperi, l’olio. Per tutta la durata del festival questi prodotti saranno esaltati dalla cucina d’autore con Le Cene Degustazione che saranno ospitate in alcuni dei migliori locali dell’isola. Non può mancare infine l’appuntamento con la Scuola di Cucina (domenica 8 settembre ore 10 -12.30) con il Laboratorio dedicato ad uno dei piatti icona di Pantelleria: i ravioli amari con ricotta e menta.

Info e prenotazioni: Cantina Basile tel. 0923 917205; Cantine Pellegrino tel. 0923 912730; Coste Ghirlanda cell. 338 3913695; Donnafugata tel. 0923 915649; Emanuela Bonomo tel. 0923 916489;Marco De Bartoli tel. 0923 918 344;; Salvatore Murana tel. 0923 915231; Vinisola tel. 0923 912078

Al Castello di Avio la prossima tappa di Castelli DiVini

Al Castello di Avio la prossima tappa di Castelli DiVini

Agosto si chiude alla grande, grazie alla Strada del Vino e dei Sapori del Trentino che, come ormai da tradizione, arricchisce il programma degli ultimi venerdì dei mesi estivi con Castelli DiVini, l’esclusiva rassegna organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Provincia Autonoma di Trento, laRete dei Castelli del Trentino e il Nuovo Ensemble di Trento, con il supporto di Trentino Marketing nell’ambito della promozione delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest. 

La data da segnare sul calendario è infatti venerdì 30 agosto, ore 18.30, presso il Castello di Avio che, con la sua maestosa imponenza, domina la Vallagarina facendosi notare da chiunque percorra quel tratto di Valle dell’Adige. Impossibile infatti non ammirare la perfezione del maniero che, non a caso, fa parte dei beni tutelati dal FAI, Fondo Ambiente Italiano.

La serata inizierà con una visita per scoprire storia e curiosità di questo castello, le cui prime notizie risalgono al 1053 diventando poi più consistenti sul finire del XIII secolo, periodo che corrisponde al possesso da parte della famiglia Castelbarco. Dopo una parentesi veneziana, dal 1553 fu retto dal nuovo principe vescovo Cristoforo Madruzzo, la cui casata controllò la zona fino al ritorno dei Castelbarco nel 1654. Fiamme e spogliazioni caratterizzarono il periodo successivo fino all’avvio dei lavori di consolidamento nel 1937 e alla cessione nel 1977 al FAI, che segnò il vero inizio di recupero e valorizzazione di questo straordinario tesoro.

Al termine della visita alle varie parti del maniero, i visitatori saranno accolti da una piacevole degustazione di una selezione di specialità del territorio proposte da alcuni soci della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, come i formaggi del Caseificio Sociale di Sabbionara, i salumi di Macelleria Zenatti e il pane di Panificio Moderno, accompagnati dai vini di Azienda Agricola La Cadalora e di Borgo dei Posseri, dall’acqua di Acqua Levico e dalle mele La Trentina.

Concluso il banchetto, ci si potrà spostare nel giardino del castello per godere della parte musicale, come sempre curata dal Nuovo Ensemble di Trento. Protagonista della performance, questa volta, la formazione Mestizo Saxophone Quartet, composta da artisti provenienti da Stati Uniti, Israele e Costa Rica, per un affascinante melting pottra culture e stili differenti.

La quota di partecipazione è di 18 euro, comprensivi di visita guidata, degustazione e spettacolo musicale. I posti sono limitati per cui è vivamente consigliata la prenotazione chiamando il numero 0461 921863 o scrivendo a info@stradavinotrentino.com.

La rassegna, che fa parte del calendario di manifestazioni enologiche provinciali denominato #trentinowinefest, è organizzata dalla Strada del Vino e dei Sapori del Trentino con il supporto de La Trentina, APT Altopiano di Pinè e Valle di Cembra, APT Terme di Comano Dolomiti di Brenta, APT Rovereto e Vallagarina, Cembrani DOC, BIM Sarca, Comunità della Vallagarina, Comunità delle Giudicarie, Comune di Segonzano, Comune di Comano Terme e Comune di Avio.

Causa slittamento per maltempo della tappa di luglio, Castelli DiVini si concluderà venerdì 6 settembre a Castel Restòr di Comano Terme.

Per info: tastetrentino.it/castellidivini

Nettuno Wine Festival

Nettuno Wine Festival

Torna il “Nettuno Wine Festival” dopo il clamoroso successo dello scorso anno dove sono state registrate oltre 10mila presenze in città. La grande manifestazione enogastronomica itinerante, organizzata dalla ProLoco Forte Sangallo, è inserita nel calendario del “Nettuno Summer 2019” e si svolgerà il 1 settembre a partire dalle ore 18 e fino alle 23. Per l’occasione i negozi del centro resteranno aperti grazie alla collaborazione con l’associazione commercianti “Il Tridente”. Ad essere coinvolto sarà il centro cittadino in cui verranno istituiti 13 “punti degustazione” dove saranno serviti dalle cantine e dai ristoratori del territorio vini e prodotti d’eccellenza regionale, partendo da Nettuno e andando a toccare ogni punto del Lazio.
Ad essere coinvolti saranno 13 cantine vinicole ed un punto degustazione dedicato alla DOC Cacchione; inoltre saranno presenti 24 ristoranti e 40 musicisti di strada per una serata di divertimento, degustando le eccellenze del territorio.

Acquistando il kit di degustazione, disponibile in sei punti dislocati lungo il percorso, si ottiene la sacchetta, il calice, la pianta del percorso e il passaporto di assaggio. Si potrà così accedere a tutti gli stand in cui degustare vino e apprezzare le specialità preparate dai ristoratori locali. Ad ogni stand il passaporto verrà timbrato, fino a completamento del percorso. Il ticket può essere acquistato presso i seguenti punti prevendita:

Moj Restaurant – piazza Cesare Battisti

De Paolis Rent – Porto Turistico Nettuno

Caffé Levante – via Santa Maria

Cantina Bacco

Azienda Vinicola Casa Divina Provvidenza

Parrucchiere Carlo Salvatori

Info e prevendite 3382024807

Groppello&Casaliva Experience

Groppello&Casaliva Experience

Tre serate esclusive per salutare l’estate con i vini della Valtènesi: dal 24 al 26 agosto torna “Groppello&Casaliva Experience”, appuntamento organizzato dal Consorzio Valtènesi nell’ambito della 43esima Fiera di Puegnago del Garda. Dopo il successo dello scorso anno, l’evento si ripropone con una terza edizione in programma ancora una volta nella suggestiva cornice vista lago di Villa Galnica, prestigiosa sede del Consorzio oltre che dell’Aipol, l’Associazione Produttori Olivicoli Lombardi, e del Gal GardaValsabbia2020.

In programma ogni sera dalle 18 alle 23 un grande banco d’assaggio sulla terrazza e nel chiostro della villa,  dedicato sia ai vini rosa che ai rossi base Groppello della Doc Valtènesi, gestito dai sommelier Onav che accoglieranno i visitatori illustrando le caratteristiche delle oltre 60 etichette presentate in degustazione libera.

Nel coupon di 15 euro è previsto anche l’abbinamento a due piatti, uno di formaggi ed uno di salumi tipici del territorio proposto in collaborazione con il Gal GardaValsabbia2020.. Il percorso enogastronomico si concluderà al piano terra della villa con una degustazione di oli extravergine monocultivar curata dagli esperti Aipol.

Un apposito spazio di degustazione sarà dedicato alle etichette in lizza per il  premio “Rosso dell’Anno”, giunto alla terza edizione e dedicato alla memoria di Sante Bonomo, compianto past president del Consorzio Valtènesi: i finalisti sono stati selezionati in maggio durante il concorso enologico della 70esima Fiera di Polpenazze, e la cerimonia di premiazione si terrà la sera di sabato 24 agosto alle 18 nella piazza centrale di Puegnago durante la cerimonia di inaugurazione ufficiale della Fiera..

Durante le tre serate di “Groppello&Casaliva Experience” sono infine previste degustazioni guidate di vini rossi e rosa oltre che di olio della durata di 1 ora circa ciascuna, su prenotazione ed a pagamento (5 euro a persona): info direttamente in Consorzio allo 0365-555060 o scrivendo apromozione@consorziovaltenesi.it.

XXVI edizione della rassegna Vinalia

XXVI edizione della rassegna Vinalia

Domenica prossima, con il rituale taglio del nastro e consequenziale presentazione della manifestazione 2019, previsto per domenica alle ore 18 nell’Ave Gratia Plena, prenderà il via la XXVI edizione di Vinalia, evento di cultura enogastronomica e di educazione al vino, in programma fino al 10 agosto nel centro storico di Guardia Sanframondi, nel Sannio beneventano, territorio che ha ottenuto da RECEVIN l’autorevole riconoscimento Sannio Falanghina Città Europea del Vino 2019.

La rassegna, proposta dal Circolo Viticoltori e organizzata dal Comitato Vinalia, e dai forti connotati dell’eco-festa, può contare sulle collaborazioni istituzionali della Regione Campania, Provincia di Benevento, Camera di Commercio di Benevento, Comune di Guardia Sanframondi, Gal Tammaro-Titerno ed inoltre vanta da sempre il fondamentale supporto de La Guardiense, azienda di punta de settore vitivinicolo, del Sannio Dop Consorzio Tutela Vini, dell’AIS e della Coldiretti. Coinvolge nella progettazione e nella realizzazione degli innumerevoli eventi previsti in calendario l’Istituto tecnico-agrario “Mario Vetrone”, La Casa di Bacco e il mondo delle associazioni impegnate nel sociale come: I Care cooperativa sociale di comunità, la fattoria sociale “Fuori di zucca, la cooperativa Davar, il Consorzio Sale della terra, la Cooperativa Eva-Casa Lorena e La Misericordia.

Tema di questa tornata è “Canto della durata”, dedicato alla particolare cura o arte di far durare le cose, tipica dei contesti resilienti, con l’intento da dar vita a un comandamento generazionale: “ricordati che l’inizio è esaltante ma la durata è da costruire”. Dell’attesa vetrina allestita negli angoli del suggestivo “cuore” antico guardiese, oltre ai vini di tredici cantine (La Guardiense, Azienda Agricola Pietrefitte, Bicu de Fremundi, Cantina di Solopaca, Cantina Morone, Cantine Sebastianelli, Colle di Siduri, Il Sabba, I colli del Sannio, Masseria Vigne Vecchie, Scompiglio, Torre Venere e Vigne Storte), fanno parte anche primarie aziende di produzioni di salumi, formaggi e prodotti della canapa; cui si aggiungono assaggi di ghiottonerie come i panini gourmet, i rinomati rustici, la cucina Vinalia e le irrinunciabilitorte contorte. Un “Percorso del Gusto”, la cui formula nel tempo ha soddisfatto un po’ tutti: sia quanti amano “andar per cantine” e sia quanti vanno alla ricerca di preparati genuini e a km 0.

Da Titina Pigna, che da 10 anni coordina il Comitato Vinalia, arriva un invito a non mancare questa edizione speciale, dedicata alla particolare cura o arte di far durare le cose: “Perché abbiamo sentito quanto mai pressante la necessità di dare confini certi a quanto potrebbe dissolversi. La continuità, dà sempre frutti meravigliosi ma esige: impegno, conoscenza, costanza, perseveranza e sicuramente “restanza”, qualità che, però, non mancano ai vignaioli”.

Nel fitto programma, inoltre, spiccano diverse iniziative allettanti. Nello show cooking (previsto tutte le sere nel piazzale del castello medievale) si alterneranno gli chef: Biagio Federico, Nino Cannavale, Pietro Parisi, Le Viticoltrici chef de La Guardiense, Dino Martino, Daniele Longo, Lucio Villani, Emilio Pompeo, Bernardino Lombardo e Pasquale Basile, con proposte di imperdibili menu abbinati ai vini delle cantine che espongono a Vinalia (Prenotazioni al 347 8910774).

Presso Terre major (di fronte la chiesa dell’Ave Gratia Plena), tutte le sere, sono in programma le “Degustazioni professionali guidate” a cura dell’Ais (Prenotazioni al 348 8134129). Sempre nei pressi dell’Ave Gratia Plena potete addolcirvi con le proposte di Amnesia vineria-cioccolateria o degustare i sapienti cocktail di spumanti sanniti di Fabulae, nei giardini del Castello.

E non basta. C’è anche un imperdibile percorso dell’ArteVinalia, infatti, ancora una volta, sarà impreziosita da VinArte, rassegna diretta dal Maestro Giuseppe Leone, con opere di Pittura, Scultura e Fotografia (curata da Azzurra Immediato), e firmate, per la Pittura, da Vishka e Amir Sabet Azar, Constantin Migliorini e un’ imperdibile opera di Jorit; per la Scultura da Mariano Goglia e la Fotografia di Anna Rosati, Francesco Cardone, Francesco Ciotola, Natalino Russo; cui si aggiungono i fotografi guardiesi: Mariagrazia Pigna, Pasquale Di Cosmo e Francesco Garofano. In tale percorso rientra anche l’atelier Pietre Vive di Carmine Maffei.

Molto attesa è anche la Lotteria Vinalia con cinque premi tutti legati al vino e al suo territorio tutti per due persone: un tour di cinque giorni a Lisbona, con due visite guidate in cantine; a seguire: due notti a Ischiadue notti nel Cilento, due a Furore e una in zona Campi Flegrei.

Per tutte le informazioni visitare il sito internet www.vinalia.it, il profilo facebook Vinalia, oppure telefonare al 345 0457090.

Notte Bianca del Cibo Italiano omaggio a Pellegrino Artusi

Notte Bianca del Cibo Italiano omaggio a Pellegrino Artusi

Domenica 4 agosto Pellegrino Artusi compie gli anni. 199 per la precisione, ed in attesa di poterne celebrare in maniera consona, il prossimo anno, il bicentenario, la città di Forlimpopoli si appresta a festeggiarne la nascita organizzando diversi eventi per la seconda edizione della Notte Bianca del Cibo Italiano, manifestazione ideata l’anno scorso dall’allora Ministro dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, in accordo con il ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, facendola coincidere con il compleanno del padre della cucina italiana.

Ed è la regione Emilia-Romagna a farsene portavoce per prima, assieme alla città di Forlimpopoli, anche quest’anno, in vista del bicentenario, sostenendo le iniziative volte a promuovere, congiuntamente alla figura di Artusi, le eccellenze enogastronomiche del territorio, così apprezzate dai turisti provenienti da ogni latitudine.

Infatti alcune città della Regione e centri di cultura gastronomica aderiranno anche quest’anno alla Notte Bianca artusiana, da Rimini a Bologna con “Fico”, che ad Artusi dedicherà addirittura una cena in giallo, ma il programma più ricco sarà comunque quello della città che ad Artusi ha dato i natali, con un programma che mira a combinare come sempre la dimensione più strettamente culturale con quella dell’enogastronomia di qualità.

Già a partire dalle 18.30 (e con replica alle 22) sarà possibile effettuare una visita guidata a Casa Artusi, mentre dalle 19.30, ad ingresso libero, il Giancarlo Giannini New Jazz Quartet (ovvero Giancarlo Giannini al trombone, Michele Scucchia al pianoforte, Enrico Moretti al contrabbasso e Daniele Tizziano alla batteria) animerà, in collaborazione con l’Associazione Daidejazz, la via Andrea Costa. Davanti a Casa Artusi anche le volontarie dell’Associazione delle Mariette alle prese con il matterello per una demo della pasta fresca fatta a mano.

Intanto nella vicina piazza Fratti, ovvero dentro la Rocca, il pubblico potrà assistere, con un unico biglietto, dalle 20.30, ad una visita guidata al Museo Archeologico intitolata “Vino e anfore al tempo dei romani” ed alla proiezione del film “Wine To Love” di Domenico Fortunato, con Ornella Muti. Tra le due proposte (la programmazione del film è prevista per le 21.30) il pubblico avrà tempo di visitare anche la mostra temporanea allestita sempre all’interno del Museo Archeologico “Il museo è servito. Mostra di piatti d’artista”.

Parallelamente, su via Costa e a Casa Artusi, farà tappa la quattordicesima edizione di “Tramonto DiVino” il tour del gusto volto a far conoscere le eccellenze enogastronomiche della regione. Vi si potrà infatti degustare il meglio delle produzioni Dop e Igp dell’Emilia-Romagna proposte dal ristorante di Casa Artusi, accompagnandole con oltre 200 etichette emiliano-romagnole selezionate dalla guida “Emilia Romagna da Bere e da Mangiare”, raccontate e proposte in degustazione dai sommelier Ais.

Ciliegina sulla torta, sempre nel cortile di Casa Artusi, insieme alle dimostrazioni pratiche di come si tira la sfoglia a cura dell’Associazione delle Mariette, un attesissimo show-cooking di Luisanna Messeri, l’estrosa maestra di cucina resa celebre dalle partecipazioni ai programmi TV “La prova del cuoco” e “Il club delle cuoche”. Il costo per le degustazioni e assaggi di vino, prodotti di eccellenza, ricette artusiane e showcooking è di 20 €.

Per info: promozione@comune.forlimpopoli.fc.it – 0543749234, lunedì-venerdì dalle 10,00 alle 13,00 –  info@casartusi.it +39 349 8401818 (lun-ven 9-12.30 e 15-18)

La Notte bianca del cibo italiano in Regione

BOLOGNA FICO Eataly world Il 3 agosto 2019 nella cornice della “Festa dello Street Food” propone CENA in GIALLO ispirata al libro “Misteri e manicaretti con Pellegrino Artusi” (Editore Il Loggione, collana “Brividi a cena) in collaborazione con Bottega Finzioni.

Il 4 agosto 2019 dalle ore 15 alle ore 18 è  “Artusi on the road” alcuni degli autori del libro “Misteri e Manicaretti con Pellegrino Artusi” accompagnano in un percorso di letture itineranti dedicate ad alcune delle ricette artusiane che più si prestano ad essere proposte in modalità “cibo da strada”; ogni luogo di ristoro di FICO che in quella giornata propone una ricetta artusiana, è tra le tappe di questo evento gratuito, in cui attraverso letture gli autori portano alla scoperta di alcune perle tratte dal mitico libro “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”, simbolo dell’unità nazionale culinaria.

 https://www.eatalyworld.it/it/

A Correggio (Reggio-Emilia) al MUSEO IL CORREGGIO, il 4 agosto 2019 alle ore 18 “TUTTE LE ERBE DEL PRINCIPE! I diversi usi delle piante nel Rinascimento: dalla gastronomia alla cucina” Visita tematica al Museo a cura della Dott.ssa Olga Guerra. Ingresso libero e gratuito

http://www.museoilcorreggio.org/

RIMINI lo chef Claudio Di Bernardo, propone agli Ospiti del GRAND HOTEL (Batani Select Hotels) uno speciale menu degustazione Artusiano dedicato alle ricette del padre della cucina italiana.

https://www.grandhotelrimini.com/

Segui l’evento #artusi #auguripellegrino #nottedelcibo

2 Contest Calici di Stelle rendono protagonisti WINELOVER

2 Contest Calici di Stelle rendono protagonisti WINELOVER

Notte di vino, Notte di stelle: al via con il primo weekend di appuntamenti in Friuli Venezia Giulia, l’edizione 2019 di Calice di Stelle, la grande manifestazione di mezza estate dell’Associazione nazionale Città del Vino e del Movimento Turismo del Vino, che in regione si svolgerà in contemporanea con il resto d’Italia dal 2 al 12 agosto.

L’edizione regionale di Calici di Stelle vede la preziosa collaborazione di PromoTurismoFVG e della Strada del Vino e Sapori del Friuli Venezia Giulia. Come per l’edizione nazionale c’è inoltre il patrocinio dell’Agenzia nazionale Turismo Italia.

Novità di quest’anno il coinvolgimento attivo dei partecipanti, che possono prendere parte a due interessanti contest.

Innanzitutto anche il Friuli Venezia Giulia aderisce al premio dell’Associazione nazionale Città del Vino dedicato alla fotografia di territorio, che valorizza la relazione fra la festa e l’ambiente circostante e intitolato “La Stella di Federica: miglior foto di Calici di Stelle 2019”, il quale sarà assegnato ai migliori tre enoturisti che invieranno foto dell’evento. Gli scatti si possono inviare agli indirizzi email iolepiscolla@cittadelvino.com e calicidistellefvg@gmail.com.

C’è poi il Concorso regionale Braccialetti di Calici di Stelle “Più ne raccogli e ti premierò”. Possono partecipare tutte le persone maggiorenni che acquisteranno un ingresso (braccialetto, novità di quest’anno con consumazioni illimitate al costo di 15 euro) nelle nove località capofila di questo format innovativo: Corno di Rosazzo, Capriva, Prepotto con Dolegna del Collio, Premariacco, Torreano di Cividale, San Giorgio della Richinvelda, Buttrio e Duino Aurisina. Ogni località ha un braccialetto di colore diverso: i migliori tra quelli che ne collezioneranno di più riceveranno soggiorni per due persone in una delle località turistiche del Friuli Venezia Giulia messi a disposizione da PromoTurismoFVG e che saranno consegnati nella grande festa conclusiva di Calici di Stelle in programma ad Aquileia il 30 agosto.

Il tutto senza dimenticare che, liberamente, tutti possono condividere sui social network le proprie foto degli eventi a cui partecipano utilizzando l’hashtag #calicidistellefvg

Al centro di ogni singolo evento la degustazione dei migliori vini delle zone Doc locali in abbinamento con le specialità gastronomiche del territorio. Ad arricchire ogni serata varie proposte culturali, dalla musica alle presentazioni letterarie fino alla visione del cielo d’agosto alla ricerca delle stelle cadenti. Un momento tutto dedicato alla promozione del territorio regionale nei confronti degli enoturisti e winelover, presentando loro il meglio del Friuli Venezia Giulia unendosi allo stesso tempo al tema nazionale, che quest’anno celebra i 50 anni dello sbarco dell’Uomo sulla Luna.

In ordine cronologico ecco dove e quando si svolgeranno le varie serate: 2 agosto Casarsa della Delizia e Corno di Rosazzo; 3 agosto Capriva del Friuli, Prepotto insieme a Dolegna del Collio; 5 agosto Premariacco; 8 agosto Latisana, Torreano di Cividale, San Giorgio della Richinvelda; 9 agosto Buttrio, Duino Aurisina; 9 e 10 agosto Grado; 10 agosto Trivignano Udinese, Bertiolo, Gradisca d’Isonzo, Sequals; 11 e 12 agosto Aquileia.

by Transposh - plugin di traduzione per wordpress